Imparare le tecniche di vendita

Tutti i giovani ambiziosi che cercano lavoro in azienda dovrebbero imparare le tecniche di vendita, quell’insieme di metodologie psicologiche e di marketing che aiutano nell’affrontare un colloquio commerciale.

Perché dico questo? Perché la vendita è la base di ogni attività aziendale: senza il fatturato che viene dalla vendita nessun costo viene coperto, nessun investimento viene pagato (a meno che non si faccia debito). È il venditore che pago lo stipendio a tutti i dipendenti, questo era chiaro in aziende come l’Olivetti degli anni 50 e 60 del 900 che facevano precedere l’impiego in un qualsiasi settore aziendale (marketing, ma anche amministrazione, contabilità, personale) da un periodo di vendita per tutti i neo assunti: si doveva capire qual era la centralità della vendita nella filosofia aziendale.

Quindi imparare a vendere è utile. Innanzitutto a chi vuole fare il venditore, e questo è ovvio, e non bisogna dimenticare che chi impara a fare il venditore si trova in una situazione in cui si troverà sempre lavoro, perché quello commerciale è il più anticiclico dei lavori (se le cose vanno male, vendere di più è la strategia necessaria; se le cose vanno bene, la vendita va spinta). Ma cosa fare per imparare a vendere? Ci sono sempre le opportunità della vendita porta a porta, come la Folletto, ma sono faticose e non tutti hanno lo spirito di affrontare le scale di un condominio dopo l’altro. Ci sono le assicurazioni e i settori finanziari, che richiedono consulenti commerciali, e quindi offrono opportunità di iniziare questo lavoro. E poi ci sono i call center, alla ricerca costante di nuovo personale (Accueil, uno dei maggiori competitori nel settore, spende molto per reclutare nuovo personale), che offrono non solo condizioni lavorative contrattualmente interessanti – contratti a tempo determinato – e un ambiente di lavoro confortevole, ma offrono l’opportunità di fare un’esperienza lavorativa che diventa presto un’esperienza di vita: si imparano a affrontare le difficoltà, ci si dà degli obiettivi che bisogna raggiungere, si entra in sana competizione con i colleghi, ci si confronta – telefonicamente – con un’umanità variegata e ricca. Non tutti riescono bene, ma l’esperienza è importante, e chi esce da questa esperienza con una competenza da spendere sul mercato – quella della vendita – la potrà usare in mille occasioni.