Come ho affrontato i mie problemi di eiaculazione precoce

A volte ci sono problemi che esistono solo nella mente.

L’eiaculazione precoce, molto spesso rientra proprio in questi casi.

Posso confermarlo per aver vissuto personalmente una serie di esperienze che mi portano a confermare con certezza questo aspetto.

 

Vi racconto la mia storia

 

Mi chiamo Giovanni, 40enne operaio siciliano, e mi sento di raccontare la mia storia per rispondere a tutti coloro che pensano che l’eiaculazione precoce sia un problema grave che affligge una larga parte delle persone e che condiziona in maniera evidente i rapporti sessuali con il proprio partner.

 

Un rapporto ormai spento ha scatenato i miei dubbi

 

Fino a qualche anno fa, ero fidanzato con una ragazza siciliana, una lunga e bella storia d’amore, di quelle che iniziano sin da piccoli.

Ci frequentavamo dal Liceo e siamo stati fidanzati per oltre 12 anni.

Dal punto di vista sessuale, abbiamo vissuto le prime esperienze amorose fin quando il rapporto non si è consolidato e il sesso è diventato molto più frequente.

Trascorsi i 10 anni, da un momento all’altro i rapporti sono stati condizionati da una situazione che mi portava a raggiungere l’orgasmo in maniera toppo veloce per vivere un rapporto in maniera normale.

Durante il sesso, dopo la fase dei preliminari e all’eccitamento conseguente al petting, mi capitava in maniera sempre più frequente di raggiungere l’orgasmo subito dopo la penetrazione.

All’inizio pensi “vabbè sono cose che capitano, mi sono eccitato troppo, o non lo facevamo da tempo e avevo voglia”, cerchi di giustificare in qualche modo quella situazione imbarazzante, ma poi, quando continuava a ripetersi più volte, quel piccolo pensiero iniziava a diventare come un macigno e mi portò a pensare di soffrire di eiaculazione precoce.

Addirittura, per capire se fosse vero, a volte mi chiudevo in camera e mi masturbavo da solo, cercando di capire i miei tempi di durata.

Purtroppo la storia con la mia ragazza, finì, per una serie di motivi, per noia, dopo 12 anni, forse aveva bisogno di una svolta che non c’è mai stata, i rapporti erano noiosi e non c’era più coinvolgimento.

Probabilmente era quello il motivo del problema che mi turbava, ma quella cosa però mi condizionò fortemente, e anche in occasione di rapporti occasionali successivi, mi suggestionavo e avevo il timore di venire subito, e per questo non mi vivevo bene il sesso con le mie partner.

 

Paure e ansie: perché proprio a me?

 

Cavolo! Soffro di eiaculazione precoce, perché proprio a me? Come facciio a stare con le donne?

Mille interrogativi iniziavano a pervadere la mia testa, pensai di sottoporre la mia questione a un medico, ad uno psicologo o a qualcuno che potesse aiutarmi, ma poi, dopo un anno, conobbi una nuova ragazza, un fisico pazzesco, di quelle con cui nemmeno ti sogni di avere un rapporto sessuale… e invece…mi è successo.

Un seno da urlo, una quarta di reggiseno abbondante, due fianchi sinuosi e un fondoschiena esagerato.

Ma come faccio? Iniziai a pensare, io con una così vengo in due minuti, come la soddisfo una femmina così?

 

Ansia da prestazione e paura di fallire

 

Quando facemmo sesso la prima volta fu un incubo, mi feci talmente condizionare che non riuscivo nemmeno a mantenere l’erezione.

Tutta l’ansia e le preoccupazioni mi bloccavano completamente.

Per fortuna questa ragazza ha saputo aspettare i miei tempi, mi ha tranquillizzato facendomi riacquistare fiducia in me stesso e nei miei mezzi.

 

Come resistere di più a letto

 

come durare tanto a lettoLe cose man mano sono migliorate e alla fine ci siamo fidanzati e attualmente è la mia compagna, e incredibilmente viviamo una vita sessuale attivissima, e i miei tempi di durata sono cambiati ulteriormente, e ho riacquistato fiducia, vigore e forza nei miei rapporti sessuali.

Nella maggior parte dei casi, è sempre lei che mi precede nell’orgasmo, e deve andare ben oltre i suoi tempi per soddisfarmi.

Adesso mi posso dire totalmente guarito, quell’ansia, ormai è solo un brutto ricordo.

L’eiaculazione precoce in realtà non l’ho mai avuta, in realtà è esistita solo nella mente, nella pratica invece conta sempre la fantasia e la voglia di divertirsi vivendo il rapporto con piacere.